Xbox One come funziona

Xbox One come funziona

Sta per passare la torcia al prossimo modello, ma vediamo anche di dirlo con accuratezza. Di cosa stiamo parlando? Ma della Xbox One naturalmente: si tratta d’una console che ha qualche annetto dietro a sé, ma non va comunque certo ignorata.

Per gli standard d’oggi, è ancora piuttosto potente e può affrontare tutte le richieste più pressanti per il Gaming. Gli manca una certa quantità di giochi esclusivi, ma ha comunque qualche titolo noto. Volendo guardare questa console da vicino, come possiamo descrivere le sue qualità? Riesce attualmente a stare al pari passo di molti PC presenti oggi, come si dice da tempo?

Caratteristiche esplosive, ma dipende da cosa guardiamo.

L’Xbox One originale, al tempo chiamata scherzosamente anche XBONE ed uscita nel 2013, non è esattamente una console da sottovalutare. La sua composizione conta su un processore AMD 8-Core da 1,75Ghz personalizzato, il tutto unito a 8Gb di DDR3. Anche la scheda video è marchiata AMD, denominata “Durango”, dalla potenza di 853Mhz.

Qualche tempo dopo, intorno al 2016, è uscita la versione S. Un modello più ottimizzato che ne riporta la stessa composizione, eccetto che la scheda video è giusto un pizzico più potente (914Mhz) e naturalmente il resto è ottimizzato con le generazioni attuali di accessori e videogames.

Lungo tutto ciò bisogna anche specificare che l’ammontare di spazio libero disponibile è aumentata in maniera non indifferente, con i modelli più costosi che montano 2Tb di HDD a disposizione.

Ma non dobbiamo comunque dimenticarci il modello X. Da non confondere con la Series X, il modello che arriverà a fine anno, l’Xbox One X è un modello rivisto e potenziato uscito intorno al 2017. Oltre a riportare una congrua quantità di aggiornamenti, la One X permette di migliorare la qualità dei giochi e visualizzare risoluzioni in 4K.

Infatti, la composizione interna conta su un AMD 8-Core 2.3Ghz, 12Gb di GDDR5, e una GPU tutta nuova dell’AMD chiamata Scorpio. Questa scheda video raggiunge la frequenza di 1172Mhz e costituisce una base più che solida per avviare tutti i giochi d’ultima generazione.

L’Xbox One in tutto questo funziona come una delle tanti console che possiamo acquistare al giorno d’oggi. Ha un design che ricorda parecchio un vecchio videoregistratore, come commentato da parecchi, ma ha avuto comunque il suo buon successo sul mercato.

Grazie a questa console al giorno d’oggi possiamo far uso del controller Xbox One Elite, un perfetto esempio di come un Joypad può essere uno strumento ergonomico e funzionare, con mille funzioni, e senza che nessuna di queste intralcino l’utente. Non è nemmeno venuto a mancare l’evoluzione del Kinect, ora più un accessorio per ampliare le funzioni dell’Xbox più che per dedicazione a qualche gioco fatto apposta.

Si può dire che la cosa più particolare dell’Xbox One è anche l’ecosistema che la Microsoft ha creato attorno al prodotto. Inizialmente questo montava il suo sistema operativo, ma da qualche anno a questa parte, tutte le Xbox One montano una piccola parte del Core Windows 10.

Questo significa che PC, Console ed altri prodotti (Come Surfaces) sono compatibili con lo stesso sistema operativo. Ciò crea un “cerchio” che appunto forma l’ecosistema, con il quale è possibile giocare, mandare files, e sfruttare altre funzioni: il tutto con la minima possibilità di andare incontro ad un errore.

Come sarà il futuro dell’Xbox One?

Con la battaglia sempre più serrata con la Sony (senza mancare la Nintendo, anche se il suo campo è piuttosto singolare) non si può dire che il futuro di questa console sarà esattamente dei più sereni. Ciò non significa che fallirà sul mercato, tutt’altro: ma la Microsoft dovrà certamente raccogliere i vari problemi noti e fare in modo di produrre più giochi esclusivi per l’arrivo della Xbox One Series X.

Scrivo su eSports, scommesse e videogiochi da circa 10 anni. La mia passione è nata ai tempi delle prime console e del modo in cui, queste, hanno rapidamente cambiato il mondo. Mi occupo di scrivere articoli riguardanti i nuovi giochi, le migliori periferiche per ottenere una superba esperienza di gioco e tutto quello che mi passa per la testa. Sono anche un appassionato di fumetti e dei vecchi giochi arcade, dei quali ho una grossa collezione.