Quanto guadagna uno streamer di Fortnite

Quanto guadagna uno streamer di Fortnite?

Anche se vi sarà sempre qualcuno che vorrà dire il contrario, Fortnite è un gioco molto popolare e continuerà ad esserlo ancora per molto tempo. Ci sono stati diversi giochi che hanno cercato di rubare la sua “fiamma” ma senza ottenere alcun particolar successo. E’ ovvio pensare perciò che ci sono diversi giocatori che profittano da questo successo, a volte riscuotendo anche ottime somme di denaro. Ma esattamente, quanto guadagna uno Streamer di Fortnite? Compiliamo insieme una valida lista di fonti di guadagno e, a seconda di queste caratteristiche, tiriamo una sorta di somma “Finale”.

Le varie fonti vengono divise per Servizio, Utenti e Sponsor.

Servizio

Se uno streamer utilizza una piattaforma che permette una retribuzione rapida attraverso un affiliazione pagata tramite qualche pubblicità come Twitch, questo è il primo livello con il quale può iniziare a guadagnare qualcosa.

Per fare un esempio, su Twitch è possibile raggiungere il livello di Affiliato o Partner. In entrambi i casi, è possibile usare la visualizzazione di pubblicità che permettono allo streamer di guadagnare qualcosa. Lo streamer stesso può anche decidere se eliminare le pubblicità o renderle più intensive, a seconda delle preferenze. Inoltre, il servizio stesso permette di accettare una valuta individuale in donazione (Bits/Tifo) che possono aiutare a risparmiare sui costi di alcuni acquisti, traducendosi quindi in un guadagno proprio. Ogni servizio ha il suo modo di portare qualche tipo di retribuzione pubblicitaria allo streamer, c’è chi lo fa con più facilità, ma ci sono anche servizi che sono molto difficili e trattano l’intero ambiente in una maniera più lavorativa (come Youtube).

Generalmente da questi tipi di guadagni, se si è estremamente popolari, si può raggiungere qualche migliaio d’euro. Non bisogna dimenticare che anche i più piccoli possono guadagnare qualche centinaio d’euro al mese in questo sistema, il tutto dipende pure dal tipo di pubblicità che viene immessa nel nostro canale (E questo ci porterà poi al discorso degli Sponsor).

Utenti

Da molti considerata la principale fonte d’introito, gli utenti possono aiutare lo Streamer a racimolare qualcosa durante la sessione di gioco. Questo può essere fatto in tantissimi modi: attraverso le iscrizioni del servizio (come Twitch), attraverso le donazioni dirette (come con Paypal o Ko-Fi), o con un abbonamento su un sito diviso (Patreon). Insomma, i modi con il quale è possibile offrire supporto sono veramente tanti e per molti versi non richiedono un minimo di ritiro.

Quel che spesso porta gli utenti a fare ciò è anche la volontà di portare lo streamer ad un obiettivo comune (miglior computer, possibilità di viaggiare, ect) ma a volte, basta anche un annuncio fatto durante la sessione di Streaming, qualche simbolo grafico in più o il privilegio di entrare in una chat apposita. Insomma, basta che la ricompensa per molti versi ci sia, motivo per cui Patreon o le iscrizioni al canale tramite il servizio sono molto apprezzati.

Non bisogna inoltre dimenticare che si può associare il canale di streaming ad un negozio, nel quale si vendono oggetti fatti a tema dello Streamer.

Generalmente il guadagno che riguarda quest’aspetto va intorno ai 10.000 euro per gli streamer più famosi. Questa cifra naturalmente può essere associata insieme alle pubblicità, il che ci porta intorno ai 15.000-20.000 per chi è più in punta.

Sponsor

Il livello più alto possibile per uno Streamer è ottenere uno sponsor. Questo paga con diversi canali, sia contrattualmente ogni mese (come una busta paga) o tramite l’utilizzo di pubblicità specifiche, che vanno visualizzate obbligatoriamente per un certo numero di volte durante lo streaming.

Gli Sponsor sono difficili da ottenere e bisogna saperli mantenere, ma paga parecchio. Non solo ci può portare ad ottenere in dono diversi oggetti (come sedie da Gamer, mouse particolari, ect) ma ci viene anche data una ricompensa per ogni volta che li mostriamo nello streaming.

Non tutti dicono chiaramente quanto guadagnano per ogni contratto, ma il minimo d’ingaggio per gli Streamer più famosi può essere anche di 150.000mila euro a pubblicità. Questo significa che, unendo i vari sistemi di guadagno che sono disponibili (senza contare altri fonti esterne come eventi di eSports e tornei) si può contare dai 185.000 ai 200.000 euro al mese. Questo è un risultato che fa gola a molti, ma ci vuole parecchio per ottenerli e molta dedicazione.

Sta il fatto che è possibile, e tutto tramite un singolo gioco. Se vi sentite pronti ad affrontare la sfida… fatevi avanti!

Ti è piaciuto il nostro articolo? Lascia un commento qua sotto se hai dubbi o domande. Potrebbe anche interessarti il nostro articolo console VS PC: cosa scegliere per eSports, giusto per vedere quale dei due è meglio per te.

Ecco Dario Bramante

Scrivo su eSports, scommesse e videogiochi da circa 10 anni. La mia passione è nata ai tempi delle prime console e del modo in cui, queste, hanno rapidamente cambiato il mondo. Mi occupo di scrivere articoli riguardanti i nuovi giochi, le migliori periferiche per ottenere una superba esperienza di gioco e tutto quello che mi passa per la testa. Sono anche un appassionato di fumetti e dei vecchi giochi arcade, dei quali ho una grossa collezione.