che cosa e il simracing

Il simracing è la categoria eSport che più si avvicina al mondo reale

Oggi vogliamo parlarvi di simracing, il fenomeno che si sta diffondendo sempre di più anche in italia, in pratica è la categoria degli eSport che più si avvicina al mondo reale, ma cosa è il simracing? E cosa significa esport?

Che cosa è il simracing

Il simracing è una vera e propria simulazione delle gare effettuata dai simulatori. I simulatori sono dei modelli matematici di un simulato che cerca di avvicinarsi il più possibile alla realtà.

Tra i simulatori, o “giochi” più noti in commercio e in uso abbiamo Assetto Corsa, iRacing e rFactor di cui parleremo in dettaglio dopo. Per praticare il simracing serve avere almeno un pc da gaming, un po di tempo libero per giocare, un pad ma meglio un volante di cui abbiamo già recensito alcuni dei migliori volanti per il simracing.

Con l’idea di poter migliorare girando, ma solo girando non aspettando che bravura e setup scendano dal cielo. La qualità delle periferiche, la comodità della postazione di guida e il settare a proprio agio le strumentazioni aiuta e di molto, semplifica e riduce i tempi, soprattutto in gara.

Ad esempio la possibilità di settare il bilanciamento dei freni con una pedaliera magari anche sotto i 100 euro aiuta tantissimo. Detto brevemente che cosa è il simracing passiamo a spiegarvi che cosa significa eSport!

Cosa significa eSport

Si possono definire eSport tutte quelle competizioni realizzate con i videogiochi a livello professionistico. L’eSport è un segmento di mercato che gli analisti vedono superare il miliardo e mezzo di dollari nel 2020 e i cui protagonisti competono già oggi per montepremi superiori a venti milioni di dollari.

I campioni hanno un’età variabile dai 16 anni in su e il loro obiettivo è di essere i migliori su piazza al proprio videogioco preferito.

I simulatori del simracing: Assetto di corsa

Come detto in precedenza per il simracing i principali simulatori sono
Assetto Corsa, iRacing e rFactor.

Per quanto riguarda Assetto Corsa, risulta essere uno dei migliori simulatori di corsa, infatti, è una vera simulazione, un prodotto dotato di un grado di sfida che può tranquillamente essere definito “estremo” e che varia dinamicamente a seconda dell’auto che sceglierete di guidare, passando da situazioni relativamente gestibili a vere e proprie cavalcate sul dorso di bestie indomabili.

Capita spesso di parlare di come i più popolari simulatori riescano a differenziare la resa di ogni vettura, ma questo particolare aspetto viene valorizzato in modo assoluto nel gioco di guida del team fondato da Marco Massarutto e Stefano Casillo.

Ogni singola automobile rappresenta un universo a sé, da comprendere, con cui familiarizzare nel giro di ore piuttosto che di minuti. Nel tentativo di passare allo step successivo, magari aumentare il grado di difficoltà dell’esperienza e rinunciare a qualche aiuto elettronico. 

Questo simulatore viene anche usato dai professionisti di auto reali per provare le proprie piste, ed il risultato a detta dei protagonisti è stupefacente!

I simulatori del simracing: iRacing

Per quanto riguarda iRacing, un altro simulatore di simracing professionale. E’ un simulatore di corse automobilistiche completamente orientato al multiplayer, dove per competere è necessario iscriversi ed effettuare un abbonamento.

Quindi non ci sono campionati contro l’intelligenza artificiale, né tanto meno gare secche in solitaria, bensì solo sessioni di gioco online, in cui si corre contro avversari umani nel massimo rispetto e fair play.

Cercando di evitare atteggiamenti aggressivi, sportellate e tenendo ben presente il corposo codice di comportamento in pista presente nella fase di briefring del gioco prima di calarci nell’abitacolo della nostra auto.  iRacing è un titolo che richiede molto tempo e dedizione, è una vita parallela come lo sono gli MMO.

Inoltre si sente la pressione di dover fare bene e di non commettere errori, si rimane allibiti dalla bravura degli altri utenti e dalla loro attenzione a evitare manovre brusche e contatti in gara, praticamente vige il massimo rispetto.

I simulatori del simracing rFactor

L’altro simulatore che consigliamo è rFactor progettato appositamente per essere in grado di riprodurre con un buon grado di realismo qualsiasi veicolo a quattro ruote, che si tratti di una Formula 1, una Ford Focus da rally, una Fiat Punto o un Bigfoot.

Come già accennato, giocare a una simulazione come rFactor richiede senza dubbio un impegno mediamente molto superiore a quello richiesto per altri giochi.

Dal punto di vista della simulazione pura, rFactor può contare su un modello simulativo per i pneumatici che ha ben pochi rivali, ed è sicuramente superiore al Pacejka, utilizzato in molti altri titoli del genere. Pur ricordando il presupposto secondo il quale una vera e propria simulazione perfetta è ancora impossibile da ottenere.

Possiamo dire che anche la fisica e l’aerodinamica in generale sono complesse e riprodotte in modo piuttosto convincente.

Conclusioni sul simracing

In definitiva il simracing ad oggi non è solo usato come un semplice videogioco, si organizzano campionati professionistici, si organizzano gare con premi in palio.

Inoltra viene anche usato dai piloti reali per le proprie autovetture e questo permette di mettere a punto strategie di corsa e ottimizzare le proprie corse in vista anche delle gare reali. Che dire se sei un appassionato della velocità non puoi fare a meno di inserirti anche nel mondo del simrecing.

Ecco Dario Bramante

Scrivo su eSports, scommesse e videogiochi da circa 10 anni. La mia passione è nata ai tempi delle prime console e del modo in cui, queste, hanno rapidamente cambiato il mondo. Mi occupo di scrivere articoli riguardanti i nuovi giochi, le migliori periferiche per ottenere una superba esperienza di gioco e tutto quello che mi passa per la testa. Sono anche un appassionato di fumetti e dei vecchi giochi arcade, dei quali ho una grossa collezione.