Gli eSports: Quando i Giochi Elettronici diventano Competitivi

WhateSport (20)
Whatesport Partner Giochi

Gli eSports sono l’attività che riguarda il giocare ai videogiochi a livello competitivo, organizzati in veri e propri tornei, con scontri tra i singoli o a squadre.  

Solo alcuni tipi di videogiochi si prestano per questa attività e sono raggruppati per generi come RTS  (picchiaduro), FPS (sparatutto in prima persona), simulazione di guida, sportivi e molti altri.

I tornei e i campionati esport sono sia di natura amatoriale sia professionale e, negli ultimi anni, hanno raggiunto un livello di importanza pari se non superiore ad altri eventi sportivi “classici”

Alle porte del 2021, gli eSport hanno consolidato la loro posizione nel panorama sportivo, ed è chiaro che continueranno ad espandersi e diventare sempre più potenti e riconosciuti a livello globale.

Come ci ricorda la redazione di giochinet.com, da quando il fenomeno esports è esploso, il numero di videogiochi competitivi non ha fatto che aumentare. Ma quali sono i migliori esports del momento? Proviamo a fare un po’ d’ordine.

Esports: i Migliori Giochi Competitivi

Per molti  giocatori,i migliori giochi competitivi sono quelli dove è possibile ricevere un premio in denaro, ma non è l’unico fattore che attira l’utenza, bisogna considerare anche altri aspetti, tra cui il numero di spettatori, eventi e successo complessivo dell’opera.

La sezione Esports italia è ancora indietro rispetto il resto dei vari concorrenti, come in Corea, Cina ed i paesi del Nord Europa, dove la cultura del gaming è da anni che viene coltivata.

In questi paesi le tradizioni legate a giochi nel tempo si sono evolute, portando la visione che un videogiocatore non è solo “un bambino che gioca”, mentre purtroppo  in Italia non abbiamo avuto lo stesso percorso, considerandoli da sempre attività di solo intrattenimento e svago. 

I migliori esport dell’anno hanno letteralmente milioni di giocatori online in qualsiasi momento,che portano diversi concorsi, tornei e campionati allestiti. I top 3 eSport per il 2020 sono: League of Legends, Fortnite e Fifa.

Quando gli eSports diventano competitivi

League of Legends: l’Esport piu Seguito

League of Legends , abbreviato in LoL, è un videogioco online del genere MOBA sviluppato e pubblicato da Riot Games per Microsoft Windows e MacOS.

League of Legends ha un seguito molto competitivo, attivo e diffuso in tutte le regioni maggiori e minori. 

I campionati delle regioni maggiori sono quattro: LCS (Nord America), LEC (Europa), LPL(Cina), LCK (Corea del Sud). I campionati  delle  regioni minori sono più numerosi, e tra di essi si trovano, il LMS ( Taiwan) e il GPL ( Sud-Est asiatico). 

Queste competizioni regionali confluiscono nell’annuale Campionato  Mondiale, che si tiene alla fine di ogni stagione.

Il Campionato mondiale del 2017 ha registrato 60 milioni di spettatori ed aveva un primo premio di circa 4 milioni di dollari.

Intel, MSI, Razer, ACER, ASUS, Logitech e HyperX sono state le prime ad investire nel settore, ma anche altri marchi non si sono fatti cogliere impreparati come Coca Cola, Monster e Red Bull

Oramai da molti anni grosse aziende si sono unite all’azione e sono diventate partner ufficiali, ed a volte esclusivi, per eventi internazionali di Lol Esport, come ad esempio nei Mondiali del 2020 il caso di Mercedes-Benz.

Ma dove si può vedere un evento  di Lol come esports italiano? 

La continua crescita del settore esport in Italia sta portando sempre più persone a chiedersi dove poter vedere le partite in diretta streaming.

Al momento la piattaforma più utilizzata per seguire l’esport Lol, ed altri giochi competitivi, è sicuramente Twitch.TV e, in misura più ridotta YouTube.

In Italia sono i PG Esports a trasmettere i vari eventi di esport, ed aspirano a fornire la migliore esperienza di intrattenimento in questo campo a livello europeo.

Fifa: il Gioco di Calcio Competitivo per Eccellenza

Con FIFA si apre un discorso a parte sulla reale portata del fenomeno eSports, basti solo pensare che i maggiori team della Premier League e della Liga Spagnola, da poco anche la Seria A italiana, hanno costituito il proprio team di professionisti di FIFA 21, per sfidarsi a vicenda nei campionati virtuali.

La Fifa eWorld Cup, una novità generata da questo periodo storico di pandemia ha portato un incremento dell’interesse, dovuto alla mancanza di qualsiasi evento sportivo, nei confronti del settore Esports. 

Questo settore ha visto in poco meno di 15 anni, un incremento esponenziale fino ad arrivare al 110% rispetto a quando tutto era partito.

Fortnite: il Gioco Più Famosi di Tutti

Fortnite tende ad essere un gioco difficile da ignorare, considerando che  ha cambiato in maniera radicale il panorama videoludico, è un gioco creato da Epic Games rilasciato a fine luglio 2017 sulle principali piattaforme di gioco, implementato poi anche anche per dispositivi mobile come Android e iOS.

In questo gioco bisogna affrontare altri giocatori cercando di rimanere vivi fino alla fine, facendo attenzione alla restrizione della mappa di gioco.

Una recente dichiarazione di vari pro-player, è andata ad indicare Fortnite come l’eSport meno competitivo, o per meglio dire, è uno dei più facili da capire e imparare in breve tempo non richiedendo un particolare tipo di impegno da parte del giocatore.

I Migliori Team eSport

Fare una classifica può risultare complicato, tenendo conto dei vari risultati ottenuti, fama della squadra e il volume di affari che gira attorno, perciò ne andremo a vedere solo alcuni di essi:

  • Team Liquid: questa organizzazione di eSports è stata creata in 2000 e ha sede nei Paesi Bassi.  La squadra del Team Liquid ha partecipato e vinto a vari tornei internazionali, posizionandosi nel 2017 come team la vincita  del montepremi maggiore di sempre.
  • Cloud9: Questa organizzazione è nota anche al di fuori del panorama degli esports. Fondata nel 2013, oggi si posiziona a competere in quasi tutti i giochi dello scenario competitivo. Essendo una delle più grandi organizzazioni di eSports del mondo, non è casuale la scelta dei vari sponsor come HTC, MSI e persino l’Air Force statunitense.
  • OpTic Gaming: Come squadra americana ha giocatori che competono nei principali giochi esport, come Call of Duty, Overwatch e Fortnite. Il team è in partnership con Turtle Beach Corporation,  grosso produttore di cuffie da gaming e schede audio.
  • Fnatic: Team britannico creato nel 2004, con sede a Londra presenta  oggi giocatori provenienti da molte nazioni diverse. I Fnatic sono  entrati nella storia come il primi team  vincitore del campionato mondiale League of Legends nel 2011. I loro principali giochi competitivi sono i pesi massimi nel mondo degli eSports, di cui fanno parte i migliori esports dell’anno come  CS: GO, e LoL.
  • G2 Esports:  i G2 Esports sono una squadra spagnola, ma  con sede a Berlino. Anche se il team è relativamente nuovo, creato nel 2013, è riuscito a ottenere un grande impatto sulla scena competitiva di LoL. Oltre a LoL, G2 Esports è riuscito a raggiungere ottimi risultati anche su CS:GO.

Esports: Che Futuro ci Aspetta?

Si prevede che il mercato degli eSport e del mobile gaming raggiunga oltre 100 miliardi di dollari di valore entro la fine del 2021, essendo in crescita costante a livello globale. 

Quest’anno, nel mondo, si prevede di raggiungere 1 miliardo di investimenti e 645 milioni di spettatori.

Com’è facilmente intuibile, in un contesto con numeri del genere, le case videoludiche sono sempre più attente a sviluppare giochi per il settore esports. Insomma, il futuro per gli esports sembra davvero roseo.

Il settore è in costante espansione, la crescita è notevole e c’è sempre più considerazione attorno a sé, tanto che si parla perfino di Olimpiadi 2024

Non resta che attendere i prossimi sviluppi e vedere come si evolverà la situazione. 

Scrivo su eSports, scommesse e videogiochi da circa 10 anni. La mia passione è nata ai tempi delle prime console e del modo in cui, queste, hanno rapidamente cambiato il mondo. Mi occupo di scrivere articoli riguardanti i nuovi giochi, le migliori periferiche per ottenere una superba esperienza di gioco.