Creare un team di eSports

Creare un team di eSports

Molte volte si guardano gli streamer più famosi e si pensa a come questi possono essere così bravi. Ma vi sono delle volte che questi non sono mai esattamente da soli: si tratta anche di persone che, di fronte a vari eventi e problematiche, hanno attraversato ogni tipo di prova per entrare in una squadra. Gruppi di Pro Players che hanno deciso di prendere il campo degli eSports insieme a tanti altri giocatori.

Ma di fronte a questa prospettiva, una domanda sorge ovvia: come può succedere una cosa del genere? E’ forse come nei racconti, un gruppetto di amici che diventa sempre più forte fino a diventare degli autentici campioni? O forse è più realistica come cosa, con un annuncio scritto che si cercano validi componenti per una squadra, con esami e tutto quanto?

A dire la verità, molti sono i modi con il quale è possibile creare una squadra. Ma bisogna anche avere a disposizione un buon mix di mezzi per rendere il tutto un realtà. Ecco qualche consiglio per arrivarci:

Cominciate da voi e lentamente attorno a voi

Se volete creare voi una squadra, naturalmente si parla di coltivare soprattutto le vostre abilità. Prendete il vostro gioco di preferenza e preparatevi a lunghe ore d’allenamento con tantissimi match d’affrontare, possibilmente in vari luoghi dove si può scalare di livello (o Rank). Questi scontri vengono spessi definiti come Ranked. Dovete assicurarvi che, come Leader della vostra squadra, sarete almeno un componente abbastanza forte per affrontare altre squadre più serie.

Una volta che avete affrontato abbastanza giocatori e vi sentite piuttosto abili, sarà tempo di creare le fondamenta della vostra squadra. Potete fare ciò con qualche semplice marchio, giusto per iniziare. Tenete comunque a portata di mano eventuali gruppi da creare o chat pronte all’uso per la vostra futura squadra. L’importante è dare almeno un nome ed un simbolo, una sorta di “bandiera” dove far riunire i vostri compagni.

Cercate i giusti candidati per la vostra squadra

A questo punto, sarà necessario capire chi far entrare in squadra. Questi possono essere tutti quelli che ritenete più adatti, dai vostri amici alle persone che conoscete alla lontana. Tenete conto che nelle squadra gli elementi vanno e vengono, come ogni tipo di disciplina. Gli eSports non sono da meno, perciò bisogna predisporsi a dare benvenuti ed anche addii. Perciò sì, preparare una squadra può essere sia un fattore di amicizia che anche essere alla ricerca professionale di qualcuno davvero abile. Per quest’ultimo potete fare diverse cose, come tenere dei tornei personali per scegliere chi è il migliore o semplicemente dichiarare che siete in ricerca di giocatori abili sui vari social network. Uno strumento che potete usare su questo fattore è SeekTeam.

Ricordatevi che le squadre non devono essere sempre della stessa nazionalità, anche se è però molto incoraggiato. Se siete strettamente dedicati a giocare online con la vostra squadra, sincronizzate sempre i vostri orari e combaciate bene le vostre abitudini. Se avete in mente in futuro di dedicarvi agli eSports di persona, preparatevi ad essere sempre ben organizzati per il viaggio.

Predisponete il vostro equipaggiamento, online ed offline, per tutta la squadra

Da qui il detto: hai avuto la bicicletta…ed ora si tratta di pedalare. Anche la squadra più modesta ha dalla sua qualche tipo di privilegio esclusivo. Nel caso delle squadre più piccole ed online, si parla semplicemente d’un server personale: basta affittarne uno, ce ne sono a centinaia di servizi online.

Quando però le cose iniziano a farsi più serie, è tempo anche di parlare d’un sito che rappresenti la vostra squadra, e di appoggiare alcuni costi che perciò vengono con queste varie necessità. Di questo punto però, avete probabilmente già un certo numero di fan che possono effettuare donazioni dirette. Questo è vitale per la progressione della vostra squadra, senza dimenticare che una volta che siete abbastanza forti potete partecipare a tornei con premi in denaro (o comunque altro materiale utile per la squadra).

Organizzare una squadra per gli eSports riguarda più o meno tutto: organizzazione, investimenti, e soprattutto tantissima forza di volontà nel diventare i migliori in assoluto! Scopri anche come diventare un giocatore di eSports professionista.

Scrivo su eSports, scommesse e videogiochi da circa 10 anni. La mia passione è nata ai tempi delle prime console e del modo in cui, queste, hanno rapidamente cambiato il mondo. Mi occupo di scrivere articoli riguardanti i nuovi giochi, le migliori periferiche per ottenere una superba esperienza di gioco e tutto quello che mi passa per la testa. Sono anche un appassionato di fumetti e dei vecchi giochi arcade, dei quali ho una grossa collezione.