Come creare un logo di un team eSports

Come creare un logo di un team eSports?

Avete in mente di fondare una squadra dedita a raggiungere i picchi olimpici degli eSports? Ottimo! Ma dovete prepararvi in parecchi, parecchi fronti. Prima di tutto, bisogna fare attenzione ai giochi sul quale volete concentrarvi. Non dimentichiamo nemmeno il potenziale contatto con il pubblico, senza molto importante per avere un bel tifo durante le competizioni… ma nulla, nulla eliminerà mai il fatto che – alla fin fine – vi sarà il bisogno d’un bel logo con il quale rappresentare la vostra squadra.

Sì, perché è facile usare una bandiera per rappresentare la propria nazionalità quando si gioca nei vari tornei di piccola entità, ma quando s’inizia a scalare veramente in alto bisogna trovare qualcosa che urla “Sì, questa è la squadra X! La conosco!”. Un logo può davvero aiutarvi parecchio su lungo andare, anche sul lato economico: magari sarà presente della gente che vuole comprare una maglietta con il vostro logo. Una vera e propria anima del commercio che può partire dalla piccola icona grafica della squadra.

Ti piacciono i loghi qua sopra? Li ho creati con Placeit.

Ma come si può creare un Logo? Da dove bisogna partire, e con quali idee? Ecco qualche consiglio:

  • L’identità della squadra non deve solo rappresentarsi nei comportamenti e nel gioco usato di spicco, ma anche nel logo. Che tipo d’impostazione ha la vostra squadra? E’ aggressiva, gioca continuamente agli sparatutto a tema militare? Potete creare un logo ispirato ai vari patch militari, alle squadre specializzate e così via.
  • Ispiratevi a qualche animale di preferenza, scegliendo quindi lo stile che deve rappresentare: futuristico, vecchio stile, ect… ricordatevi naturalmente che il logo non deve essere enorme, se avete intenzione di usarlo sulle magliette ed altri prodotti una risoluzione molto alta è comunque desiderata. Perciò, fate sempre due versioni, magari partendo da quella più ad alta risoluzione.
  • Se siete fan di qualcosa in particolare, come Star Wars, potete cercare di creare un logo su quello stile. Ovviamente non usate icone troppo vicine a personaggi o altre proprietà usate nel film o nella serie:  si parla di stili, non esattamente di ricopiare nella fattispecie tutti i dettagli relativi ad un personaggio o luogo.
  • Utile se soprattutto non avete alcuna abilità in Photoshop e simili: affidatevi ad un’artista. Alcuni sono specializzati nella creazione di loghi, per il quale possono già proporre qualche ultima creazione che possono affidare sotto la vostra proprietà. Se l’artista in questione non ha una galleria di loghi in vendita, non presentatevi mai a mani vuote: bisogna sempre avere un’idea chiara da spiegare a chi deve disegnarci il logo. Alcuni hanno bisogno giusto di qualche idea per iniziare a disegnare il logo, altri invece hanno bisogno d’istruzioni chiare e dettagliate.
  • Dove la creatività umana fallisce, potete provare ad usare qualche strumento automatizzato online. Noi consigliamo Placeit per creare il proprio logo di eSports, un sito specializzato in questo.

Un logo di eSports deve essere di impatto

Creare qualcosa che da un vero impatto può essere semplice o complicato, ma bisogna anche ricordarsi che è un bene non cercare di copiare completamente i loghi o le creazioni altrui. E’ altamente sconsigliato prendere il disegno d’un altro artista ed applicarlo al logo modificando a malapena un paio di dettagli, con un filtro proprio. I contenuti devono essere sempre originali. Certo, comunque, se ad esempio disegnate un Coyote di fronte ad una montagna, un logo molto simile a qualcun altro, non state copiando nessuno: basta che lo stile sia differente. Ciò però non crea un impatto originale e può creare confusione, non facendovi riconoscere bene fra le varie squadre.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Lascia un commento qua sotto se hai dubbi o domande. Potrebbe anche interessarti il nostro articolo cosa sono gli eSports, dove potrai scoprire ogni dettaglio di questo mondo.

Ecco Dario Bramante

Scrivo su eSports, scommesse e videogiochi da circa 10 anni. La mia passione è nata ai tempi delle prime console e del modo in cui, queste, hanno rapidamente cambiato il mondo. Mi occupo di scrivere articoli riguardanti i nuovi giochi, le migliori periferiche per ottenere una superba esperienza di gioco e tutto quello che mi passa per la testa. Sono anche un appassionato di fumetti e dei vecchi giochi arcade, dei quali ho una grossa collezione.