Come aumentare gli FPS su fortnite

Come aumentare gli FPS su fortnite

Chi è che non vuole qualche fotogramma in più su Fortnite? Se non ne siete a conoscenza, gli FPS, o fotogrammi, è il modo in cui si può misurare quanto veloce va un particolare gioco. Il minimo accettabile per molti al giorno d’oggi è 60 FPS.

Ma si può andare ancora più in alto se si vuole: più è alto il conteggio degli FPS, più veloce possiamo reagire al mondo intorno a noi…e di conseguenza, giocare anche meglio.

La domanda sta però su cosa bisogna fare esattamente per aumentare questo fotogrammi. Fortnite è strapieno d’impostazioni, e a volte bisogna anche tener conto del PC che stiamo usando. Noi siamo qui per questo: pian piano vi diremo esattamente tutto quello che c’è da sapere sulla velocità media di Fortnite.

Software ed Hardware: l’unione che va tenuta sempre sott’occhio tutto il tempo

Fortnite è un videogioco che può funzionare, tecnicamente, anche su piattaforme piuttosto arretrate.

Ma ciò non significa che può comunque arrivare a riprodurre un’alta quantità di fotogrammi: su questo dobbiamo sempre darci un’occhiata noi. Ma andiamo per gradi, ed iniziamo a parlare piuttosto delle parti importanti del nostro PC e del sistema operativo nel quale va girando Fortnite.

Hardware, questo sconosciuto…Fortnite può essere un gioco piuttosto intenso. Se avete a disposizione un PC fisso, allora potete cambiare non poche cose che possono rendere le partite più rapide. 

Le SSD, ad esempio, possono caricare più velocemente livelli e contenuti. Un processore ed una scheda video più potente (specialmente se messi in coppia) possono aumentare drasticamente gli FPS. Tuttavia non è sempre il caso per tutti: si tratta d’un investimento costoso, per alcuni complicato, per altri impossibile (specialmente se il PC in questione è un portatile).

Tuttavia, ricordatevi sempre di chiudere qualsiasi programma che può intralciare l’esperienza di gioco. Questo specialmente se la vostra RAM è inferiore a 16Gb o se il vostro processore non è esattamente dei più potenti. Chiudete perciò qualsiasi browser o programmi che occupano RAM e le risorse del vostro processore.

Vi sono alcune guide che possono aiutarvi ad aumentare le prestazioni del vostro sistema, ma non esagerate mai troppo: in fondo, il gioco è tutta un’altra faccenda.

Parlando appunto di Fortnite, la sezione che riguarda le impostazioni è piuttosto ricca. Ecco qualche consiglio che possiamo darvi sulle varie sezioni che sono presenti nel gioco:

Risoluzione, finestra o fullscreen e con che limite di FPS?

Molti sono convinti che giocare in finestra aumenta i fotogrammi. In realtà, il gioco può intralciare con le varie funzioni di sistema, per il quale consigliamo appunto di giocare in pieno schermo.

La risoluzione minima che consigliamo è di 1600×900: se cominciate a scendere troppo, la qualità grafica ne risentirà a tal punto da non farvi vedere i vostri avversari. Per quel che riguarda il limite degli FPS, è inutile alzarlo sopra un certo limite se il vostro Monitor non può supportarlo.

A seconda della frequenza che supporta e che attualmente è abilitata nel sistema operativo, bisogna impostare il gioco. Perciò, 60Hz porta a 60FPS. Più il vostro monitor è potente, più potete aumentare gli FPS. Ovviamente, anche l’Hardware dovrà supportare quest’aumento di fotogrammi.

Ombre, anti-aliasing, textures, effetti e post-processing

Disabilitateli o metteteli al minimo. La loro riduzione o disattivazione non intralcia le abilità di gioco, ma possono definitivamente aumentare gli FPS di Fortnite. Non riducete piuttosto il dettaglio grafico sulla distanza o la percentuale di dettaglio tridimensionale (3D).

Debugging, Multithread, Blur e V-Sync

Disattivate il Debugging, il quale può essere utile per gli sviluppatori nel caso avete qualche problema, ma del resto ha bisogno d’una piccola parte della potenza processiva della CPU e GPU per permettere tutto ciò.

Attivate invece il Multithread, specialmente se il vostro processore è piuttosto recente o è un Quad Core (o meglio ancora). Il Blur è l’effetto grafico che mostra quella leggera ombra nel caso di movimenti rapidi, perciò non è utile. Il V-Sync serve per evitare che lo schermo si “straccia” in più pezzi, sincronizzando l’input video. Riduce però le prestazioni, perciò se volete più FPS va disattivato (è inoltre inutile se avete uno schermo con G-Sync o FreeSync).

Vi è molto di più per quel che riguarda il discorso, ma il vostro PC è sempre ciò che conta

Fortnite è un gioco piuttosto flessibile, ma ha bisogno di particolari cure ed un PC potente per renderlo il più rapido.

Questi metodi sicuramente aiuteranno molto, ma non dimenticatevi mai che se il vostro PC è arretrato o con un Hardware assai ridotto, certi miracoli sono piuttosto difficili da compiere. Scopri anche quanto costa world of warcraft.

Scrivo su eSports, scommesse e videogiochi da circa 10 anni. La mia passione è nata ai tempi delle prime console e del modo in cui, queste, hanno rapidamente cambiato il mondo. Mi occupo di scrivere articoli riguardanti i nuovi giochi, le migliori periferiche per ottenere una superba esperienza di gioco e tutto quello che mi passa per la testa. Sono anche un appassionato di fumetti e dei vecchi giochi arcade, dei quali ho una grossa collezione.